Le molestie: l’ascesa di un fenomeno da debellare

Spread the love

Parliamo del fenomeno che da un po’ di tempo sta impazzando, soprattutto sui social; da un sondaggio interno è emerso che un cosplayer su tre, viene almeno una volta infastidito su chat privata, o sotto post pubblici da messaggi poco gentili.

Un fenomeno che fa parte di quella grande categoria che è il Cyberbullismo e che, purtroppo, sembra non aver risparmiato neanche questo settore; difendere una libertà personale, tuttavia, non deve essere un’opzione, ma un diritto.

Ne abbiamo molti esempi, ma è palese che la situazione interessi maggiormente le ragazze che si cimentano in questa forma d’arte; quello che resta riprovevole, è che alcune si ritrovino a dover subire questo tipo di molestia.

Essendo una forma di libera espressione, per definizione un cosplayer ha tutto il diritto di poter scegliere se impersonare un personaggio più sensuale, senza diventare vittima di menti chiuse  e grette.

La tematica, tuttavia, non è a sè stante, ma correlata ad altri fenomeni, in rapida crescita e che infestano i social: parliamo ad esempio dei profili fake, creati per creare caos, confusione e flame, scatenando quindi polemiche su cui, la vittima, è sempre il cosplayer.

Fare Cosplay deve, di base, essere un piacere e deve infondere una volontà di poter delineare un proprio pensiero: una forma d’arte non può essere giudicata, ma deve essere ammirata per il lavoro insito in essa, perchè rappresenta l’impegno e la passione.

LEGGI ANCHE

https://www.mankeynews.com/2018/01/29/i-troll-e-il-cosplay-i-consigli-su-come-arginare-questo-fenomeno-negativo/

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *