Makoto, la parola al celebre Hotarumaru

Spread the love

LUCCA COMICS AND GAMES 2018. Una fiera all’insegna del talento e delle mille sorprese che, con questo Cosplay, va solo che ad arricchirsi; Hotarumaru da “Touken Ranbu”, un interessante personaggio facente parte di un contesto molto seguito in Giappone.

Una tendenza che ha fatto praticamente scuola, soprattutto tra le ragazze contando un grande boom di iscritti nel 2016… Ebbene sì, perchè stiamo parlando proprio di un videogioco di carte collezionabili per browser.

UNA KATANA AL FEMMINILE

Un grande successo per il talendo di Makoto Awatobi Cosplay, che fa sua questa tendenza ove le spade storiche giapponesi ottengono un loro volto, ricreando uno dei personaggi di questa ambientazione virtuale.

Un Lucca Comics che può annoverarla tra i suoi partecipanti… Non certo una cosa da poco, soprattutto per coloro, come Totoro Photoset & Video, che hanno potuto immortararla in queste foto da brivido!

FOTO

INTERVISTA

Ciao Makoto e grazie per averci concesso questa intervista per mankeynews.com! ^o^ Cominciamo con una presentazione di rito… Come ti sei avvicinata al mondo del Cosplay?
« Ciao a tutti amici di MankeyNews mi presento mi chiamo Makoto, ho 20 anni e frequento il mondo del Cosplay da due anni esatti da questo Lucca Comics and Games. Come mi sono avvicinata al mondo del Cosplay? Bella domanda, allora ho sempre frequentato fiere del Fumetto ancor prima di far cosplay, mi piaceva l’atmosfera che si respirava e mi piaceva il concetto di poter essere qualcun’altro per un giorno, quindi mi son detta “lo fanno tutti perché non posso farlo io?” e così mi sono messa alla prova, e devo dire che ho fatto bene a lanciarmi perché ho scoperto un mondo davvero bello, fatto di momenti positivi e momenti negativi, grazie al Cosplay ho conosciuto tantissime persone che non avrei mai conosciuto altrimenti quei di gli sono davvero grata ahah ».

Hai all’attivo davvero molti lavori. Quale è stato il primo e perchè?
« Si credo di aver all’attivo una quindicina di personaggi tra Cosplay e Crossplay, allora il mio primo cosplay è stato appunto un Crossplay ovvero Juuzou Suzuya da Tokyo Ghoul, ho scelto lui perché all’epoca come ora amo il personaggio e amo l’anime in cui è presente, tanto che l’ho portato in ben 5 versioni differenti ».

Da dove nasce l’idea di realizzare il Cosplay su un dato personaggio?
« Allora fondamentalmente mi ci devo rispecchiare, quindi deve essere amore a prima vista. Mi ci devo rivedere in un dato personaggio per poterci fare il Cosplay, ho sempre amato di più i pg maschili infatti la maggior parte dei mei Cosplay sono pg maschili, e anche quelle poche volte che porto una ragazza difficilmente mi ci vedo bene se non nel caso di Ayame da Shimoneta ».

Quali sono le difficoltà maggiori che hai incontrato all’inizio?
« Allora sicuramente l’inserimento in un mondo così vasto non è stato semplice, anche perché non conoscevo nessuno che facesse Cosplay, quindi ammetto che è stato difficile, le prime parrucche erano inguardabili perché volevo andare al risparmio su Amazon, poi man mano che frequentavo fiere e, sembrerà banale, aggiungevo cosplayer alla lista degli amici di Facebook ho cominciato a rubacchiare consigli qua e la, quindi ho scoperto Aliexpress, per i cosplay e le parrucche, siti dove comprare delle buone lenti, cercavo consigli sul make up e piano piano cercavo cerco tutt’ora di migliorarmi ».

Ci racconti quali sono gli step che ti portano dall’idea alla realizzazione finale del Cosplay?
« Allora io non sono una cosplayer che va a step mi piace un personaggio voglio realizzarlo e lo realizzo, punto. Ahah no comunque non essendo brava a cucire i miei trucchi sono due, o compro il Cosplay già fatto e poi lo stravolgono completamente alle mie misure aggiungendo particolari ecc. Oppure qualora riuscissi a farmelo da me per prima cosa butto giù la lista delle cose che mi servono e delle cose da fare, analizzo i pro e i contro cercando di capire se è meglio in un mondo o in un altro. Easy no? ».

Con quali materiali hai lavorato sino ad ora?
« Allora legno, polistirene, polistirolo, Bombolette spray, tessuti vari e ciò che trovo in casa insomma ahah ricordatevi di non buttare via niente perché tutto è utile per un cosplayer , parti della mia chitarra di Marceline sono un fidget spinner smontato per esempio ahah ».

A quali fiere hai partecipato sino ad ora e a quali ambisci partecipare?
« Oddio sono davvero tante, Milano comics and games, Lucca Comics, riminicomix, Ancona comics and games, Gonzaga, Fantarona, Mantova Comics and Games, Brixia, Games Week, Novegro, Cartoomics, la festa delle fate se si può contare e altre che mi sono dimentica assolutamente, contando che molte di queste fiere le ho visitate più di una volta. Bhe mi piacerebbe sicuramente andare al Romics, Comico, Etna Comics ma anche a molte fiere all’estero, che non starò ad elencare perché sono infinite ahah ».

Hai mai partecipato a una Gara Cosplay? Vuoi raccontarci la tua esperienza?
« Oddio si tre volte se non sbaglio, due volte a Riminicomix e una al Milano Comics di Maggio 2017 al quale ho vinto anche il premio miglior Interpretazione, con la mia coreografia di Ayame da Shimoneta. Partecipare a queste tipologie di gare è davvero un’emozione indescrivibile, piena di ansia, stress e divertimento, ma proprio per i primi due fattori io non parteciperei mai e poi mai a gare troppo importanti, andrei subito in panico ».

Quali pensi siano i personaggi, attualmente, più interpretati?
« OH bhe sicuramente i cosplay più in voga sono quelli degli anime come, Cell at work, My hero accademia, Jojo, Naruto che vedo che sta tornando di moda, tanti del attacco dei giganti, Tokyo ghoul, in questo periodo sono molti perché di molti anime sta uscendo la seconda stagione quindi tanti cosplayer diciamo che cavalcano un po’ l’onda giustamente ».

Hai progetti in cantiere? Vuoi spoilerarci qualcosa?
« Allora posso solo dirvi che un Cosplay che mi accompagna dall’infanzia ovvero Inuyasha, ma non posso dire di più e un altro progetto che devo iniziare riguardo un membro di un certa Kpop band che seguo molto ahah però ho talenti tanti progetti in mente che ne vedremo delle belle quindi seguitemi su tutti i miei social per rimanere aggiornati ».

Come ti vedi di qui a 5 anni?
« Eheh non ne ho idea sinceramente, bhe sicuramente più vecchia di cinque anni poi non saprei ahah non posso giurare di far Cosplay per sempre quindi non mi voglio sbilanciare quindi spero di essere viva tra 5 anni ahah ».

In ultimo, per concludere questa intervista, c’è qualcosa che desideri dire al pubblico della MankeyNews?
« Grazie mille MankeyNew per l’opportunità e per la pazienza che avete portato, e grazie ai lettori che seguendo i loro articoli li spronano a fare sempre meglio. Inoltre vorrei approfittarne per dirvi di seguirmi su Instagram e Facebook dove vo terrò sempre aggiornati, kiss ~ ».

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *